Asana – Pranayama – Meditazione

Sri Patanjali

Ester
Ester
Ottobre 10, 2019

Tradizionalmente Patañjali (devanagari: पतञ्जलि) è collocato nel II secolo a.C., essendo stato erroneamente identificato con l’omonimo grammatico, vissuto in quell’epoca e commentatore del grammatico Pāṇini. Oltre le leggende, nulla si conosce della sua vita se non l’unica opera a lui attribuita, gli Yoga Sūtra, testo fondamentale dello Yoga darśana, e che contiene riferimenti alle scuole del Grande Veicolo del Buddhismo: con ogni probabilità la sua stesura finale va dunque collocata fra il V e il VI secolo d.C. Non è però da escludere che il testo si sia sviluppato a partire da frammenti o testi ben precedenti, e l’accademico Gavin Flood colloca fra il I secolo a.C. e il V secolo d.C. il periodo in cui il testo è stato iniziato e concluso, intervallo di tempo nel quale Patañjali è più realisticamente vissuto.

Si può pertanto ritenere che Patañjali abbia compilato insegnamenti che fino ad allora erano stati tramandati oralmente, come spesso è avvenuto presso le scuole hindu. Egli fu il primo a metterli per iscritto, e per questo viene considerato il fondatore del Raja Yoga, la disciplina mistica alla base dello Yoga classico (Yoga darśana), sistema filosofico-religioso dell’induismo ortodosso.

Il suo insegnamento, contenuto nei 196 aforismi (sūtra) che costituiscono gli Yoga Sūtra, spiegano come, con il controllo di sé e la padronanza della mente e della sua attività (vritti), arrivare all’intima unione con la Divinità interiore.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *